Raccolta delle olive, tabelle aziende, tensimetri e trappole tignole.

Regg. (UE) 611 – 615/2014

AMBITO DI INTERVENTO 4

AZIONE 4.a

MIGLIORAMENTO DELLE CONDIZIONI DI COLTIVAZIONE, DI RACCOLTA, DI CONSEGNA E DI MAGAZZINAGGIO DELLE OLIVE PRIMA DELLA TRASFORMAZIONE

L’attività legata alla presente azione realizzata per ciascuna delle tre campagne di riferimento, è per praticità, suddivisa in tre programmi principali caratterizzati da:

  • Miglioramento delle condizioni di coltivazione di tutte le fasi del ciclo dell’olivo con riferimento agli aspetti agronomici e fitosanitari;
  • Miglioramento della raccolta dalla pianta nei periodi ottimali, per varietà ed areali di coltivazione attraverso l’introduzione di indici di maturazione e di qualità oggettivi (forza di distacco, cascola, contenuto in olio, analisi sensoriale e fenoli dell’olio) e diffusione dell’impiego di attrezzature e mezzi di raccolta, prevedendo anche l’adattamento degli uliveti con adeguate tecniche di potatura;
  • Miglioramento del magazzinaggio e consegna delle olive all’impianto di trasformazione entro 24 ore dalla raccolta, utilizzando contenitori a pareti rigide e fessurate.

Le tecniche colturali adottate ordinariamente negli oliveti locali influenzano, spesso negativamente, la qualità degli oli di oliva, particolarmente di quelli provenienti dagli oliveti tradizionali. La raccolta delle olive nelle epoche non ottimali, la raccolta delle drupe da terra, l’inadeguatezza delle condizioni di trasporto e di magazzinaggio delle olive, le lunghe soste in olivaio in cumuli o sacchi, costituiscono elementi in grado di pregiudicare la qualità degli oli. Con questa misura si intende dare continuità alle azioni di miglioramento della qualità già intraprese nel corso delle precedenti campagne, in attuazione del Reg. CE n. 528/99, nonché dei Regg. CE n. 1334/02, n. 1331/2004, n. 2080/05, n. 867/08 e attualmente nell’ambito del Reg UE n. 1220/2011 che ha modificato il Reg. CE 867/08.

OBIETTIVI che si intendo perseguire sono:

  • Miglioramento delle condizioni di coltivazione di tutte le fasi del ciclo dell’olivo con riferimento agli aspetti agronomici e fitosanitari;
  • Miglioramento della tecnica di gestione dell’azienda agricola attraverso assistenza tecnica specialistica “agro – fenologica” agli oliveti e sviluppo di un modello di gestione;
  • Razionalizzazione delle fasi della raccolta, anche attraverso l’uso di indici di maturazione, nei periodi ottimali per varietà ed areali di coltivazione;
  • Miglioramento e razionalizzazione degli interventi di difesa con particolare riferimento ai patogeni dannosi nelle diverse fasi fenologiche;
  • Diffusione dell’impiego di attrezzature e mezzi di raccolta tecnologicamente avanzati mediante attività dimostrative e formative prevedendo prioritariamente l’adattamento degli uliveti con adeguate tecniche di potatura;
  • Introduzione di tecniche innovative per la gestione della raccolta trasporto e stoccaggio.