AVVISO

Assemblea Parziaria

Messina 2017

Assemblea Parziaria

Santa Teresa di Riva 2017

Assemblea Parziaria

Zona Nebrodi 2017

BENVENUTI IN APOM!

A sostegno dell’olivicoltura della Sicilia

12

CHI SIAMO

L’A.P.O.M. è una O.P. (Organizzazione di Produttori), si è costituita il 14 Giugno 1978 in base al Regolamento CEE 136/66 e al Regolamento CEE 1360/78. L’associazione associa produttori olivicoli della provincia di Messina e da tutta la Sicilia. L’A.P.O.M. opera da 30 anni sul territorio Siciliano, fornendo a tutte le aziende olivicole associate una serie di servizi, tra i quali divulgazione, assistenza tecnica, raccolta, valorizzazione, promozione e commercializzazione del prodotto trasformato, favorendo l’accesso a nuovi mercati.

123

COSA FACCIAMO?

Fornisce ai soci assistenza per l’esercizio di una razionale ed economica attività nel settore delle produzioni olivicole, anche mediante tecnologie innovative che concorrano a favorire la competitività dell’intera filiera e attraverso l’attuazione di servizi comuni, orientando la programmazione della produzione dei soci e l’adeguamento della stessa domanda, sia dal punto di vista quantitativo che qualitativo. Ha sviluppato con i frantoi più rappresentativi della provincia di Messina, soprattutto per ciò che riguarda la igienicità e le tecniche di lavorazione, delle convenzioni con le quali vengono dettate le norme di lavorazione delle olive, tempistiche ecc. al fine di ottenere un olio extra vergine di qualità superiore.

112

COME CRESCIAMO

L’ A.P.O.M. ha rivolto particolare impegno, con congrui investimenti in uomini e mezzi, nel settore della commercializzazione dell’olio dei soci. Infatti ha realizzato a Torrenova un impianto per lo stoccaggio e l’imbottigliamento dell’olio di oliva, con una capacità di stoccaggio di oltre 5.000 q.li e con un impianto di imbottigliamento totalmente autonomo con una potenzialità di imbottigliamento di n. 7.000 bottiglie l’ora. Tale attività ha avuto notevole successo commerciale ed è stata indirizzata soprattutto alla commercializzazione di oli biologici certificati ai sensi del REG. CE 2078/92 e REG. CE 2092/91 e oli DOP Valdemone. Sono state avviate numerose iniziative promozionali sia in Italia che all’Estero, con la partecipazione a Fiere, Mostre e Mercati e incontri con tutti i componenti della filiera. Oggi l’ A.P.O.M. è presente nei mercati europei (Olanda, Germania, Paesi Bassi, e Francia) ed extraeuropei (Giappone) contribuendo a rendere un servizio valido ai produttori e nel contempo difendendo il prezzo di mercato dalle varie spinte speculative provenienti dall’industria e dal settore commerciale.

“Albero asciutto e contorto dalle foglie allungate e d’argento, parco e forte, sempre risorgente dalle sue radici”.

 

Fin dall’antichità, la pianta dell’olivo, venerata dapprima per connotazioni religiose e mitologiche, e in seguito per le sue qualità alimentari e salutari, ha rappresentato il segno tangibile di un’evoluzione.

L’olivo è una coltivazione tipica del territorio siciliano: introdotto dapprima nell’isola dai Fenici e coltivato successivamente dai Greci, ma furono i Romani a sistematizzare la coltura e a diffondere, in modo più capillare, la commercializzazione dell’olio di questa zona. Oggi, il mondo dell’olio è il frutto di una storia lunga e consolidata.

Nella Provincia di Messina, lungo i contrafforti dei monti Peloritani e dei monti Nebrodi, vi sono disseminati migliaia e migliaia di ulivi, caratterizzanti l’ambiente, esplicando un’azione di protezione del paesaggio; su questi ulivi si formano e maturano, al caldo del sole del sud, le migliori olive del Tirreno.

Dalla spremitura delle olive, piene e mature, si ottiene l’olio extra vergine, prodotto prezioso, frutto della terra, ma anche del lavoro costante ed esperto dell’uomo. Esso è sempre stato e sempre sarà un elemento portante dell’economia, sostiene il reddito delle numerose e piccole aziende agricole e della cultura della nostra provincia.

A sostegno dell’olivicoltura della provincia, un ruolo importante viene esercitato dall’ A.P.O.M.

PHOTOGALLERY